Passa ai contenuti principali

LONELY SOULS - LE STREGHE DI NEW ORLEANS - RECENSIONE

LONELY SOULS - LE STREGHE DI NEW ORLEANS 



TRAMA
(senza spoiler perché sono una brava persona)
Evaline, all'apparenza, è solo una graziosa barista di New Orleans, ma l'apparenza spesso inganna. Nell'esistenza di Evaline, infatti, c'è ben poco di normale - a cominciare dal fatto che non si tratta davvero di una ragazza: la sua anima è quella di Erik, un uomo morto in una rissa a New York e risvegliatosi poi nel corpo della giovane donna.
A complicare ancora di più una situazione già di per sé bizzarra, ci si mette l'incontro con una misteriosa ragazza che asserisce di essere niente meno che una strega.


GIUDIZIO
In un'atmosfera a metà tra manga d'azione e Buffy the Vampire Slayer, le premesse di questo Lonely Souls sono anche interessanti. Purtroppo, però, le atmosfere e le dinamiche dei manga, trasposte in romanzo, raramente danno buoni risultati. Non ho mai capito bene il perché: forse il vedere le cose disegnate aiuta la sospensione dell'incredulità? Non lo so. Sta di fatto che il risultato, in Lonely Souls, sono scene e interazioni tra personaggi che appaiono superficiali e davvero troppo inverosimili - persino per un fantasy! E il tutto non viene aiutato dal fatto che l'autore sembri andare sempre maledettamente di fretta: in questo libro succedono tantissime cose e compaiono un mucchio di personaggi, ma si fa a malapena in tempo a capire cosa sta succedendo che già siamo alla scena successiva, al nuovo cattivo da sconfiggere. Perché non soffermarsi di più sulle singole scene? Perché non dare almeno qualche battuta significativa agli antagonisti, senza ridurli tutti a una semplice carrellata di cattivoni messi lì solo per essere fatti a pezzi dall'invincibile protagonista? Ma soprattutto: perché i nemici non attaccano tutti insieme, ma ordinatamente uno per volta e, nei momenti di pathos, si fermano ad aspettare che i personaggi principali abbiano finito di piangere/dire frasi più o meno epiche/parlare tra loro senza fare assolutamente nulla??? Rimarrà un mistero come quello del perché i cattivi non attacchino mai mentre Sailor Moon si trasforma.
L'idea dell'uomo nel corpo di una donna è ottima, eppure anche qui si spende davvero il minimo sindacale di spazio per approfondire la cosa. Le buone idee, con poco spazio per essere sviluppate, si perdono nel marasma di eventi velocissimi e finiscono per cadere nel dimenticatoio - e questo è davvero un peccato, visto che ci sono parecchie intuizioni interessanti nel corso della storia!
Anche sulla costruzione dei personaggi ci sarebbe parecchio da dire. Il primo problema è che gli antagonisti non hanno di fatto alcun tipo di caratterizzazione, a parte il loro essere genericamente cattivi: nulla sappiamo di loro o delle loro motivazioni ("volere il potere" non è abbastanza da sola come motivazione), e sono un po' tutti l'uno la fotocopia potenziata di quello che l'ha preceduto. Cambiano esteticamente, ma la sostanza è sempre la stessa. Nel gruppo di streghe protagoniste almeno c'è un po' di caratterizzazione, ma più procede la lettura più si fa fatica ad accettare o trovare credibile l'apparentemente infinita lista di virtù del/della protagonista: sostanzialmente, è un personaggio costruito per essere perfetto, infallibile e adorato da tutti, il cui unico "difetto" - se così possiamo definirlo - è l'essere troppo buono. Anche Buffy - per fare un esempio simile - era così in un primo tempo - e infatti le serie più belle sono quelle in cui l'hanno finalmente caratterizzata in modo umano e fallibile. Anche quando Evaline fa cose che rischiano di intaccarne l'aura di angelica perfezione, l'autore si affretta a trovare giustificazioni di trama e di ambientazione per scagionare il protagonista da ogni accusa. Il continuo bisogno di giustificare le azioni di Evaline/Erik e di sottolineare al lettore quanto lui sia buono e giusto mentre invece il mondo è cattivo con lui alla lunga diventa onestamente stucchevole.

Altra nota dolente è purtroppo il lato "tecnico": se infatti qualche errore ogni tanto è accettabile, qui c'è davvero molto da rivedere, soprattutto per quanto riguarda l'uso della punteggiatura. Un giorno capirò perché i poveri due punti siano tanto odiati da tutti!

In conclusione, abbiamo una storia con del potenziale, ma con un testo che non le rende affatto giustizia. Penso che, ripulito dalle molte ingenuità stile manga e con un po' più di approfondimento di personaggi e situazioni, potremmo trovarci di fronte a un ottimo urban fantasy.
Bocciato dunque, ma spero di poterne leggere un giorno una versione finalmente all'altezza delle sue potenzialità!




PRO
-trama interessante
-belle scene d'azione

CONTRO
-tanti errori
-tutto accade troppo velocemente
-personaggi poco approfonditi

Commenti

Post popolari in questo blog

Doki Doki Literature Club! - REVIEW

It's going to be very hard to talk about this game, for two different reasons: the first is that I risk to make you lose your mind sanity; the second is that I must be very careful abou what exactly I'm going to say, because every little detail could ruin game's surprise effect.
If your really want to have an exciting game experience, do not watch videos or read comments on Internet or YouTube. Once you know what it's going to happen, this VN will be less fun to play than it should be.
Another Warning that I give you is not to judge this Visual Novel based only on its deceptively adorable style. If you are easily disturbed by games that deal with "strong" themes, stay away from DDLC!
But if you want to play it anyway, please don't say I didn't warn you!

And now, no more wasting time: let's start with some plot!






PLOT
Doki Doki makes you assume the role of Japanese of the typical otaku without any particular interest
(other than anime and videogames…

The Deadline - una Visual Novel completamente Italiana! - DEMO PROVATA

Due post uno dietro l'altro!! Ma mi son detta: ehi, tra un po' è Natale e non aggiornerai il blog, quindi perché non spammare prima delle feste? Perciò eccomi qui di nuovo!
Oggi vi parlo di un progetto che mi sta particolarmente a cuore e per cui nutro molte speranze: The Deadline. Si tratta della prima Visual Novel (chi segue questo blog ormai sa di cosa parlo!) interamente Italiana, almeno a quanto so, e fonde insieme due cose che tutti noi amiamo: no, non parlo delle scadenze, ma dei videogiochi e del mondo dell'editoria. I ragazzi di Nativi Digitali Edizioni mi hanno segnalato la loro demo gratuita e non potevo esimermi dal dare un'occhiata...






TRAMA
L'inizio di questo gioco sarà famigliare a molti di voi: un manoscritto finito e il momento in cui si sta per inviarlo all'editore che si è scelto, sicuri di avere tra le mani un biglietto di sola andata per l'olimpo degli autori di successo.  La storia del nostro protagonista inizia proprio così, ma presto p…

Dietro anime d'inchiostro - RECENSIONE

Questa recensione sarà per me davvero complicata da fare. I motivi sono principalmente due: per prima cosa, pur essendo in un certo qual modo una storia "fantastica" si discosta molto dai generi che affronto di solito e su cui sono più ferrata; in secondo luogo, è di per se stesso un romanzo secondo me difficile da valutare.


DIETRO ANIME D'INCHIOSTRO






TRAMA (senza spoiler)

E già iniziamo con le cose complicate... Non posso rivelare molto senza rischiare di fare spoiler o influenzare come poi deciderete di "leggere" - in ogni senso - la storia.
Posso dirvi che il protagonista di questo romanzo è Marco, il vostro aspirante scrittore esordiente medio, e la vicenda si dipana intorno alle sue bizzarre avventure - alcune fantastiche, altre molto più mondane.
Il tutto inizia quando il nostro eroe è ad assistere alla presentazione di un libro di un altro esordiente, e si ritrova seduto a fianco una persona che conosce ma che non credeva possibile incontrare: il protagoni…